Logo

Confesercenti, Marinelli: "Negozi vicinato rischiano chiusura"

"Costi energetici continuano a pesare su famiglie ed imprese irpine."

«L’aumento dei costi energetici e la spinta inflattiva ha pesato e continua ad incidere sul potere d’acquisto delle famiglie e dunque sulla crescita dei consumi. A risentirne sono soprattutto le piccole attività di vicinato irpine, che risultano sempre più in difficoltà». Così Giuseppe Marinelli, presidente della Confesercenti provinciale di Avellino.

«I timidi segnali di fiducia in un'inversione di tendenza  – prosegue il  numero uno dell’associazione di categoria – rassegnata dagli indicatori economici ufficiali del Paese sono stati subito gelati dai nuovi dati Istat sull'inflazione registrata nel mese di aprile, che torna a salire. Ma la situazione reale per le famiglie e per le attività commerciali e del terziario in generale, salvo poche e specifiche eccezioni, non è sostanzialmente ancora mutata. Restano infatti per intero le criticità emerse nell'ultimo anno, che non hanno consentito di lasciarsi alle spalle un periodo di crisi, determinato dalle precedenti emergenze. D'altra parte, restano sul tappeto anche i problemi strutturali di cui soffrono i territori e l'economia delle aree interne, che richiedono risposte urgenti e risolutive, che potranno venire soltanto grazie ad una programmazione strategica complessiva di tutti i livelli istituzionali, a cominciare da quelli locali, per mettere in campo interventi per l'ammodermamento del sistema produttivo, dei servizi e delle infrastrutture, con azioni mirate e calibrate. In ogni caso, però, in questo momento, occorrono provvedimenti di ordine generale del governo, come evidenziato dalla Confesercenti nazionale, che sostengano il potere d’acquisto delle famiglie e la nostra economia in una fase così delicata. Riteniamo quindi opportuna e necessaria una misura di detassazione dei futuri aumenti contrattuali riferiti ai Contratti collettivi nazionali di lavoro comparativamente più rappresentativi, per sostenere con più vigore i consumi e quindi, l’occupazione e la crescita del Paese, che secondo studi del settore potrebbero generare 2,9 miliardi di consumi aggiuntivi in tutta Italia».

«Ma i piccoli esercizi di vicinato –  ha concluso Marinelli – nella provincia di Avellino, come altrove, rischiano di chiudere i battenti se non ci sarà l'introduzione di una tassa sugli intrioiti delle grandi piattaforme di commercio digitale, sinora fiscalmente non regolamentate, che possa riequilibrare la concorrenza tra attività fisiche e on line, insieme ad un progetto di riqualificazione ed aggiornamento delle attività più tradizionali». 

 

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Economia


Polo Aerospaziale partenopeo

Ier, 17 giugno, presso lo stabilimento di Leonardo di Pomigliano, la RSU e le segreterie territoriali/regionali di Fim, Fiom, Uilm Napoli e Campania si sono incontrate per analizzare e fare un punto sulle criticità del settore e g[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici