Logo

Prevenzione e repressione di reati predatori

Con l’effettuazione di mirati servizi volti principalmente alla prevenzione ed alla repressione di reati predatori, i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino continuano incessantemente a porre attenzione all’attività di perlustrazione, sia per contrastare la criminalità sia per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario. Il dispositivo messo in campo negli ultimi giorni dalla Compagnia di Montella ha permesso di effettuare perquisizioni e controlli, all’esito dei quali 5 persone sono state deferite in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. In particolare: - i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno denunciato: · per “Guida sotto l’influenza di alcool”, una 40enne di Avellino che, a Nusco, all’esito di specifici accertamenti è risultata avere un tasso alcolemico superiore al limite consentito per la guida; · per “Rifiuto di sottoporsi agli accertamenti per rilevare un eventuale stato di alterazione psicofisica”, un 40enne di Lioni che, controllato a Parolise, nonostante l’evidente sintomatologia ha rifiutato l’invito di sottoporsi ad esami sanitari finalizzati a stabilire l’assunzione di sostanze stupefacenti. In entrambi i casi si è proceduto al ritiro della patente di guida; - i Carabinieri della Stazione di Bagnoli Irpino hanno denunciato per “Uso di atto falso” una 30enne del luogo, per aver esibito nel corso di un controllo una patente falsa; - i Carabinieri della Stazione di Castelfranci hanno denunciato per “Guida senza patente” un 20enne del posto che, senza aver mai conseguito la patente, si era posto alla guida in compagnia della proprietaria dell’auto, deferita alla medesima Autorità Giudiziaria. Non è inoltre venuta meno l’attenzione al contrasto ai reati in materia di stupefacenti che ha permesso di segnalare alla Prefettura di Avellino tre ragazzi sorpresi con modiche quantità di hashish e un 35enne in possesso di una confezione di metadone.  

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Cronaca


L’assalto alla diligenza è fallito

Giustizia è fatta la sentenza del consiglio di stato nr. 08039/2023 reg.ric, ha messo una pietra tombale sulle azioni penalizzante dei ministri e di talune organizzazioni sindacali che invano hanno tentato attraverso l’immissi[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici