Logo

Pronto soccorso chiuso, disagi e Amministrazione Vignola immobile

Vignola s’è dimostrato il migliore Sindaco, di tutti i tempi, nel presiedere le processioni

All’inizio di questo mese, alcune famiglie sono state costrette a trasportare, d’urgenza, i familiari al nosocomio conciario, credendo di trovare i battenti aperti, dopo l’emergenza Covid. Ma ahimè! Non sapevano a chi rivolgersi.

Quindi, i sanitari hanno provveduto a stabilizzare i pazienti, indicando loro di trasportarli al “Moscati” di AVELLINO. Arrivati al pronto soccorso di Avellino, i congiunti hanno constatato l’interminabile fila di attesa, prima di essere visitati. Sono rimasti, doppiamente, sconcertati e delusi, soprattutto, dalla politica, non essendo stata all’altezza di far riaprire il pronto soccorso conciario.

Intanto, il sindaco Vignola continua a fare passerelle politiche sull’apertura della terapia intensiva, pur sapendo che s’è fatto giocare nell’ area sanitaria ed economica. Questi due settori sono vitali per lo sviluppo del paese, ma, soprattutto, trainanti per l’economia comprensoriale e non solo. Il Vignola dovrebbe darsi una scossa e risolvere le complesse problematiche che attanagliano la cittadina conciaria, in primis il motore dell’economia conciaria, la riapertura del pronto soccorso e il potenziamento del “Landolfi”, senza tralasciare il decoro urbano, la cornice dei monti “Picentini” con lo sventramento del monte “Pergola”, le strade dissestate… Gli elettori conciari ricorderanno la promessa del Vignola di effettuare il cambio di destinazione d’uso degli opifici conciari, nel lasso di tempo di 100 giorni dal suo secondo mandato. Al momento, dopo otto anni, tutto tace! I politici, nel silenzio dell’elettorato, continuano a riscuotere le indennità, mentre gli operai vengono rifilati in cassa integrazione o licenziati. Inoltre, i proprietari e gli imprenditori continuano a pagare gli esosi tributi, come la nuova IMU, senza poter utilizzare i loro capannoni, per effetto della crisi.

Una domanda sorge spontanea: “Vignola, in otto anni, che cosa ha fatto per Solofra”? Vorremmo tanto che rispondesse il primo cittadino, al fine di smentirci con i fatti. Per dover di cronaca, dobbiamo dire che Vignola s’è dimostrato il migliore Sindaco, di tutti i tempi, nel presiedere le numerose processioni, che si svolgono sul territorio comunale.

Ricordiamo al Sindaco che “la fede senza le opere è morta”….

RD

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Cronaca


Deposito agricolo in fiamme, nessun ferito

I Vigili del Fuoco di Avellino nel pomeriggio di oggi 7 agosto, sono intervenuti a Serino in via Terminio, per un incendio che ha interessato un deposito agricolo in legno e lamiere. Due le squadre inviate dalla sala operativa del Comando [...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici