Logo

Sanità irpina raddoppia… Solofra azzerata!

L’Asl di Avellino ha comunicato che i post di terapia intensiva presso il “Moscati” diventano 44 ed aumentano anche quelli della sub intensiva.

La stessa Asl ha dotato l’ospedale “Criscuoli “di Sant’Angelo dei Lombardi con 8 posti di terapia intensiva e   4 di terapia sub intensiva, assegnando, inoltre, all’ospedale arianese altri 4 posti di terapia intensiva e 6 di sub intensiva.

Siccome “la matematica non è un’opinione”, ci permettiamo di sottolineare che l’ospedale “A. Landolfi” di Solofra si conferma, purtroppo, la “cenerentola” della sanità irpina, grazie (si fa per dire…!) al misero mantenimento dei 4 posti di terapia intensiva, esistenti, peraltro, solo sulla carta.

Eh, sì!  In effetti, il reparto è soltanto nominale, senza dimenticare la mancata assegnazione dei posti di sub terapia intensiva.

 Eppure, ho avuto modo di leggere, davanti ad edicole, locandine con titoli ad effetto: “Il PD immotivati i ritardi per il Landolfi”.

Ma la nostra Regione non è governata dal PD?

 E nel nostro Comune non governa un Sindaco del PD?

Aldilà di tante altre possibili domande, la sostanza del discorso non cambia ed è che non siamo, più, considerati nell’Irpinia e non solo.
 Forse, tutto ciò dipende dal fatto i nostri politici locali non hanno nessun peso per la Comunità solofrana e  ,presumibilmente, chiedono solo per i propri orticelli? Chissà!

In ogni caso, diamoci una mossa!

Se non vogliamo essere superati da tutti e da tutto, stiamo attenti a non affidare il nostro territorio a dei politici incapaci e a Governatori con una politica miope.

 

 

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Politica


La nostra Irpinia solo preda di voti?

  Lo smantellamento del Landolfi e' una sconfitta politica di tutti i partiti presenti nella area montorese, serinese, e solofrana, di tutti i tesserati, dei cittadini comuni. Se la situazione e' questa, vuol dire che il nostro ter[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici