Logo

28 migranti positivi al Covid-19, Li.Si.Po."Nessuno ci ascolta"

Porto Empedocle (Agrigento) arriva una nave con 28 migranti positivi al COVID-19. Più volte il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) ha richiamato l’attenzione dei vertici del Ministero dell’Interno circa la necessità di chiudere i nostri porti, al fine di contenere possibili contagi da parte di migranti positivi al COVID -19, dal momento che gli stessi non solo irregolari ma, presumibilmente, privi di qualsiasi documentazione sanitaria attestante la negatività al COVID – 19. Così ha dichiarato il segretario  generale del LI.SI.PO. Antonio de Lieto: “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Il grido dall’arme lanciato dal LI.SI.PO. al Ministro dell’’Interno è rimasto inascoltato. Nei nostri porti continuano ad approdare navi con a bordo passeggeri irregolari. Il buonismo a tutti i costi – ha continuato de Lieto - di una certa classe politica rischia veramente di fare grossi danni al nostro Paese ed al riguardo il LI.SI.PO. si chiede: chi pagherà per gli eventuali danni provocati al nostro Paese? La piaga insanabile dell’immigrazione irregolare e la “mollezza” di questo Governo e del Ministro dell’Interno, adottata nei confronti di questo fenomeno, si rileva, alla prova dei fatti, palesemente inadeguata. La grave crisi sanitaria, che ha interessato il nostro Paese, ha portato alla chiusura di attività industriali, commerciali ed artigianali – ha sottolineato de Lieto – con perdite di innumerevoli posti di lavoro. Tanti italiani, padri di famiglia si sono ritrovati senza lavoro ed un futuro catastrofico. Il LI.SI.PO. - ha rimarcato de Lieto – ricorda a  questo Governo, ed a questo Ministro dell’Interno, che chi   è giunto in Italia illegalmente, è giusto che torni al suo Paese. Chiusura dei nostri porti e blocco navale senza se e senza ma. L’Italia non è terra di NESSUNO !!! Se si vuole fermare questa “invasione” – ha concluso de il leader del LI.SI.PO. - è necessario dare un’immagine di un Paese fermo, deciso, con leggi certe e un Governo capace di farle rispettare”. 

                                                 Antonio Curci

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Cronaca


Avellino, furto e porto abusivo di coltello

Non si ferma la controffensiva posta in essere dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per il contrasto ai reati predatori, in particolare ai furti in danno di esercizi pubblici ed abitazioni. I Carabinieri della Compagnia di [...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici