Logo

Trasferimento tecnologico, graded a Tel Aviv.

Tra le 6 società europee selezionate per il programma "disrupt me”

Mettere in connessione aziende europee con tecnologie e soluzioni all'avanguardia dell’ecosistema innovativo israeliano: è l’obiettivo di “Disrupt Me”, programma di open innovation progettato e gestito dall'Hub EIT (European Institute of Innovation & Technology), con il supporto di Deloitte Catalyst. Graded, Spa partenopea attiva da più di 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione e gestione di impianti di produzione di energia ad alta efficienza da fonti tradizionali e rinnovabili, è una delle sei società selezionate tramite una Call (le altre sono Colruyt Group, Eoly, Kelyon, Grupo AN e Pepsico) per partecipare all’iniziativa pilota che consente ad aziende europee di incontrare e attrarre startup hi-tech israeliane per collaborare a progetti comuni, favorendo una più rapida adozione di nuove tecnologie pronte per essere immesse sul mercato.

Prima tappa del programma a novembre scorso, poco dopo la selezione, con la visita in azienda di rappresentanti di Deloitte Catalyst e Deloitte. Da domenica 8 fino a giovedì prossimo, 12 dicembre, la seconda fase: la società di Vito Grassi è a Tel Aviv per una missione di matchmaking che prevede incontri one to one con start-up locali preselezionate, seminari sulle best practices di adozione e trasferimento tecnologico, workshop e incontri con attori chiave dell'ecosistema innovativo come venture capital e multinazionali, rappresentanti del Governo e Università.

Alla quattro giorni israeliana seguirà, infine, un processo di follow-up e implementazione finalizzato a supportare lo sviluppo congiunto di aziende europee e start-up israeliane nei mercati del Vecchio Continente. L’obiettivo, nel  medio termine, è fare in modo che le sei società europee partecipanti a “Disrupt Me” possano sviluppare nuovi prodotti o servizi, utilizzando tecnologie e servizi israeliani.

“Negli ultimi decenni, Israele è diventata la patria di migliaia di start-up hi-tech focalizzate sull'innovazione e sullo sviluppo tecnologico globale – dice l’amministratore delegato Vito Grassi -. Rappresenta, dunque, una grande opportunità per società che come Graded stanno investendo in R&S e guardano con interesse ai nuovi mercati per rafforzarsi ed essere più competitive in un'ottica di internazionalizzazione". 

A rappresentare Graded nell'intero programma "Disrupt Me" sono Davide Capuano, R&D Specialist dell’azienda, coinvolto nella fase di matchmaking a Tel Aviv, Ludovica Landi, responsabile organizzativa e operativa di Graded, e i due ex studenti della Digita Academy, Pasquale Sagnella e Gennaro Ardolino, che nella seconda fase di incontri one to one con le start up israeliane saranno presenti in "modalità digitale".  

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Cultura


“Passione Astronomia”

Domenica 23 giugno dalle ore 18:45 fino alle ore 21 si terrà l’evento “Missione sul Sole”. L’evento organizzato da In giro per la Campania con i bambini è dedicato ai bambini dai 6 ai 12 anni che, gra[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici