Logo

Ancora una volta, l’esecutivo Vignola stupisce: dalle promesse all’ammuina

Ancora una volta, l’esecutivo Vignola stupisce, passando dagli annunci ad un’ammuina senza precedenti, annunciando un programma triennale di opere pubbliche da fare, dimenticando quelle non fatte in otto anni di amministrazione, ovvero: opere necessarie sul territorio ereditate dall’amministrazione precedente, quelle non appaltate, quelle iniziate e non ultimate e quelle ancora in corso di ultimazione. Da quest’amministrazione, mi sarei aspettato, invece della solita ammuina, un programma di opere pubbliche più preciso e necessario per il nostro territorio, affrontando opere realmente necessari quali: piscina comunale, infopoint Scorza, rione Santa Lucia, cimitero Sant’Agata, campo sportivo, illuminazione zona industriale ASI, messa in sicurezza della strada in località Castelluccia ed infine manutenzione delle caditoie dell’intero territorio, progettazione delle fognature nonché progettazione dell’acquedotto, ricordando che quest’ ultimo ha una perdita del 39,4 %. Se poi dobbiamo pensare positivo e analizzare le opere che l’amministrazione ha portato alla conclusione, possiamo notare come in otto anni le sole opere portate al compimento sono la ristrutturazione della scuola in via Casapapa e qualche strada asfaltata.  Ebbene se dobbiamo essere contenti di sole due opere in otto anni, allora siamo davvero alla frutta. L’amministrazione ha il merito di aver fatto ammuina, confusione, stime, ipotesi e percentuali che risulta difficile ipotizzare che non siano intenzionali, ma bensì un organizzazione volta di proposito a non far nulla. 
Nel tempo quindi, le idee illustrate negli anni, diventano sempre meno lineari e comprensibili; addirittura confesso che mai ho avuto tanta difficoltà a capire che cosa veramente questa amministrazione ha intenzione di fare. E non mi consola assolutamente la confusione che vi è all’interno della maggioranza, tra consiglieri che denunciano pur rimanendo al proprio posto, senza farsi un’idea di quel che ci aspetta. Senza dubbio assistiamo a un pressappochismo, dove insieme a tante cose mal spiegate si incontrano vere e proprie contraddizioni. Quest’amministrazione si presentava come esecutivo di svolta ma ha svoltato ben poco. Non vi è alcuna innovazione rispetto alla navigazione a vista del primo mandato. Mugugnare, buttarsi in faccia stracci, proclamare lotta interna pensando di svoltare, non comporta né innovazione né progresso e né sviluppo. Finché non vi è un vero e chiaro programma di sviluppo per la Città e soprattutto per i cittadini, rimarremo sempre fermi, come nel Gattopardo, tutto cambia nell’amministrazione affinché nulla cambi veramente, rimanendo con in mano un pacco di popcorn stando comodi e rilassati senza accorgersene che il paese soffre.
 

 

Antonello D’Urso  Consigliere Comunale

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Politica


L’ambiente e la democrazia

La tutela dell’ambiente è uno dei valori che fa parte, da diversi decenni, della tradizione culturale della Sinistra non solo italiana. Alla fine degli anni Ottanta ed inizio degli anni Novanta, quando il Comunismo stava per [...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici