Logo

Iniziativa “#liberedi…” e inaugurazione Concilia Point

E' nel carcere che le donne troveranno lavoro

Introdurranno:

Dott.ssa Giulia Magliuolo - Direttore Casa di Reclusione “Bartolo, Famiglietti e Forgetta” di Sant’Angelo dei Lombardi

Ing. Francesco Mancini - Consorzio Tekform - Soggetto capofila

Dott. Stefano Farina - Consorzio Servizi Sociali “Alta Irpinia”

Don Rino Morra - Associazione di Volontariato “Galea”

Dott. Antonio Borea - Confcooperative Campania

 

Relazioneranno:

Prof.ssa Fiorenza Taricone - Docente di Pensiero politico e questione femminile Università di Cassino

Prof. Samuele Ciambriello - Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Regione Campania

Dott. Giuseppe Martone - Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria della Campania

On. Rosa D’Amelio - Presidente del Consiglio Regionale della Campania

 

Concluderanno:

Dott. Francesco Basentini - Capo Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

On. Chiara Marciani - Assessore alle Pari Opportunità della Regione Campania

 

Promuovere un sistema territoriale integrato di interventi e misure che favoriscano la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro per le donne e ne alleggeriscano i carichi familiari per sostenere la loro piena partecipazione alla vita civile. È questo l’obiettivo che si pone il progetto #liberedi…, finanziato dalla Regione Campania nel quadro dell’Accordo Territoriale di Genere, che vede coinvolti diversi soggetti sociali e istituzionali sul territorio altirpino. Tra questi il Consorzio Servizi Consorzio Servizi Sociali Alta Irpinia, il Consorzio Tekform, l’Associazione di volontariato Galea, Confcooperative Campania e la Casa di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi.

Cosa c’entri il carcere altirpino è presto detto: per la prima volta in Italia una struttura dedicata alle mediazioni apre il suo sportello all’interno di una casa di detenzione, luogo dove le mogli, le mamme o le sorelle dei detenuti portano all’interno del reclusorio tutte le loro difficoltà di donne con il fardello pesante di trovare lavoro o più semplicemente di gestire la quotidianità della famiglia. Punta perciò a rinforzare l’intreccio tra politiche attive del lavoro e welfare locale.

Il previsto Concilia Point, emanazione diretta del progetto #liberedi, oltre che alle “donne in carcere loro malgrado” si rivolge ovviamente anche alle donne del territorio. A tutte è destinata una programmazione dedicata e l’attivazione di servizi e interventi gratuiti e sperimentali per conciliare tempi di vita e di lavoro, per migliorare le condizioni lavorative delle donne occupate e per favorire l’inserimento lavorativo di donne disoccupate e inoccupate.

Il target di riferimento sono donne in età lavorativa e con carichi familiari di cura, al fine di offrire loro informazioni e strumenti utili per la ricerca attiva di un’occupazione e per conciliare i tempi di vita familiare con quelli lavorativi.

Il progetto si candida, inoltre, anche per la realizzazione di luoghi di lavoro più accoglienti; di spazi di co-working destinati a donne “free lance” e/o precarie; di ascolto e consulenza per donne disoccupate o inoccupate che intendono inserirsi nel mondo del lavoro.

 

In considerazione della rilevanza dell’iniziativa e ancor di più della sua unicità nel panorama socio-carcerario, si invitano le testate giornalistiche in indirizzo a voler dare visibilità alla manifestazione di presentazione.

Al fine di favorire l’accesso all’interno della Casa di Reclusione, si prega di far pervenire richiesta di accredito dei giornalisti e operatori che seguiranno l’evento a questo indirizzo di posta elettronica: cr.santangelodeilombardi@giustizia.it tel. 0827/24124 interno 104

Grazie!

 

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Società


La bonifica e' la vera sfida

E’ di queste ore la notizia del sequestro di una discarica abusiva di circa 10mila mq su un’area ex-prefabbricati ad Aterrana di Montoro . Poche settimane fa su segnalazione di alcuni cittadini residenti nelle vicinanze avevamo[...]

Flash Mob " Più Siamo e Più Aiutiamo".

. Avellino 16/06/2019 c.so V. Emanuele - ore 17 - nei pressi della chiesa del Rosario. BABBAALRUM è un' associazione non profit il cui nome deriva direttamente da un espressione dialettale usata da un paziente nei confronti di un m[...]

Solofra. La scuola è viva, …W la scuola!

Chiude i battenti l’anno scolastico 2018/2019. Si chiude con una grande e gioiosa manifestazione un anno scolastico che ha visto tante iniziative educativo-culturali, anche extra scolastiche (piscina, calcio, ippoterapia, tammorra, e[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici