Logo

Capitano, grande capitano

La notizia della cessione di Hamsik – se confermata – non può, certo, rendere felici i tifosi del Napoli, visto che negli ultimi dieci anni circa, dalla prima stagione in poi del Napoli in serie A dopo la promozione dalla B, è stato il capitano del Napoli di più lungo corso nella storia – seppur ancora breve – del ciclo di De Laurentiis.
È stato un calciatore modello dal punto di vista tecnico e comportamentale: lo dimostra bene il fatto che, nonostante l’età, egli sia tuttora in perfetta condizione fisica e possa giocare in qualsiasi campionato di calcio professionistico, da quelli più stressanti a quelli meno importanti, come quello cinese dove ha scelto di chiudere la carriera.
Ci si attendeva da lui e dalla società una scelta diversa, ma il dado è tratto: va via il giocatore che ha segnato più goal di Maradona con la maglia azzurra e quello che ha dimostrato versatilità tattica, assumendo più ruoli in campo con i diversi allenatori e nella cornice di differenti moduli.
È ovvio che non si può non fare un plauso a chi, più di altri, ha incarnato lo spirito della rinascita del Napoli nella stagione successiva al fallimento, portando la società e la squadra ad essere ai vertici del calcio nazionale, tornando protagonista anche in Europa, dove mancava dai tempi di Maradona e di Careca.
È la dura legge del professionismo: i lauti guadagni, che sono in grado di assicurare i Cinesi, non possono che allontanare dall’Europa i campioni, come Hamsik, che hanno modo così di completare il loro percorso nel calcio che conta, iniziando una fase diversa del loro essere professionista.
È interesse di tutti che simili trasferimenti avvengano: anche il cartellino del calciatore ha un valore non trascurabile, che la società che vende non può non prendere in considerazione.
Ed, allora, gli unici veri dispiaciuti sono i tifosi, che perdono una bandiera, ma si sa bene che le bandiere si fanno e si disfano in un lasso temporale brevissimo, per cui non si può che dire “in bocca al lupo” al giocatore che più ha fatto sognare i tifosi azzurri in questo scorcio di XXI secolo.

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Sport


Forza Sinisa!

La notizia della grave malattia, che ha colpito il notissimo allenatore del Bologna, ha sconvolto la pubblica opinione, visto in particolare il grandissimo coraggio del mister della società felsinea, che ha ammesso dinnanzi alle tel[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici