Logo

La “Fiaccola della Pace “e tre tedofori vincono l’acqua...

...gli altri aspettano in chiesa, insieme agli allori

La XXXIV “Fiaccola della Pace”, partita dal duomo  di   Amalfi , arriva alla Rettoria di S. Domenico, alle ore 18. 20, sotto una catinella d’acqua.

Nel frattempo, si spera che il tempo migliori, ma ahimè … nulla da fare. 

Così, in fretta e furia, tre coraggiosi tedofori , di corsa ed accompagnati dall’ambulanza, portano la fiaccola in Collegiata, dove ad attenderli ci sono le Autorità civili e militari e le due corone, da deporre ai piedi dei monumenti in via “Aldo Moro”. 

I tedofori  che portavano la fiaccola, durante il tragitto, sono stati applauditi, per la loro determinazione e il   coraggio nello sfidare la pioggia, come quasi a voler  dire che la Pace è possibile, solo se ciascuno di noi la vuole e lavora per essa.

Però , la vita ci insegna che sono pochi quelli che lavorano per la pace, affrontando il sacrificio,  affinché  essa trionfi.

Difatti, molte persone  preferiscono solo parlare di pace al caldo e sotto un tetto sicuro.

 Ritornando all’evento,  precisiamo che la “Fiaccola della Pace”  ha avuto il suo clou nella solenne  Messa  in Collegiata, introdotta e presieduta da mons. Mario Pierro, che, dopo aver  letto una lettera  inviata dai giovani  della diocesi  di Genova a papa Francesco,  ha invitato tutti e, in particolare, dieci tedofori  a recitare il rosario della pace.

  Formuliamo un doveroso plauso al Comitato organizzatore della suddetta manifestazione, per  le energie profuse nell’organizzazione e nella  realizzazione della “Fiaccola”.    

Condividi quest'articolo

Altri articoli di Cronaca


Avellino. Incendio Pianodardine

Il segretario generale della Cgil di Avellino, Franco Fiordellisi, sostiene: «Si tratta di un episodio rispetto al quale è necessaria la massima attenzione e severità da parte degli organi e delle autorità prepos[...]

Contattaci

  • Telefono: 347/ 5355964

  • Email: solofraoggi@libero.it

  • Email: ilcomprensorio@libero.it

Seguici